Page images
PDF
EPUB
[graphic][subsumed][subsumed][subsumed][subsumed][subsumed][subsumed][subsumed][subsumed][subsumed][subsumed][subsumed][subsumed][subsumed][subsumed]

4

Iuxta programma, quod iam a 40 annis redegimus qu. que fere duobus abhinc annis renovavimus, nulli unq, pepercimus labori ac sacrificio, ut illud omni ex parte absolveremus. Publicationem enim Actorum Sanctae Sedis, ad quorum publicam evulgationem sese protendunt officialitas et authenticitas a Summo Pontifice Pio PP. X nostris Ephemeridibus begnine concessae, maxima cum celeritate et diligentia peractam esse non est qui non videat. Item quod ad partem attinet, quae privata audit, causas a Sacris Congregationibus resolutas compendiatim exponere, atque una simul cum Actis Pontificiis adnotare ac illustrare omni ope curavimus. Nec defuerunt doctae Consultationes a peritis viris exaratae. Caeteris omissis, quae Lectores nostri probe norunt, nuperrime magnis expensis et difficultatibus minime parcentes, iuxta officialem textum gallicum edidimus sic dictum Librum album, qui Expositionem documentis comprobatam separationis inter Ecclesiam et Statum in Gallia continet.

Quam ob rem iucundae nobis pervenerunt gratulationes a pluribus nostris amicis, quibus dum publice gratias reddimus, omnibus propositum nostrum pandimus maiora quoque in dies audendi peragendique.

Modo quum plures ex Lectoribus nostris reiteratas preces nobis obtulerint, ut tandem aliquando incommodum haud leve evitaretur, ex eo proveniens quod nostrae ephemeridis volumen quodvis eiusque respectiva associatio fere dimidio in anno, mense nempe Augusti, initium sumeret; dum pro Subnotatoribus ac pro ipsius Administrationis regularitate illud illam

[merged small][ocr errors][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][graphic][merged small][merged small]

Romae 1905.

Typographia Polyglotta S. C. de Propaganda Fide. Lähenna 7

34492 ACTA ROMANI PONTIFICIS

LITTERAE

Quibus Pius PP. X laetatur de catholicorum Italiae docilitate

in Pontificiis monitis excipiendis circa actionem socialem.

AI DILETTI FIGLI CONTE STANISLAO MEDOLAGO ALBANI,

PROFESSORE GIUSEPPE TONIOLO,

COMMENDATORE AVVOCATO PAOLO PERICOLI.

PIUS PP. X

Diletti Figli, salute ed A postolica benedizione. Ci piace, diletti Figli, di manifestarvi con una parola di benevolenza e di affetto la consolazione che procurò all'animo Nostro l'indirizzo, col quale una schiera di cattolici italiani ha voluto esprimerci la propria gratitudine per l'ultima Nostra Enciclica ai Vescovi d'Italia intorno allo svolgimento dell'azione sociale (1).

(1) Cfr. Acta S. Sedis, vol. 37, pag. 741. En devotionis verba quibus alludit Summus Pontifex:

Beatissimo Padre,

Sempre ossequenti all' augusta Vostra Persona, in cui come cattolici veneriamo il Pastore Supremo dell'ovile di Gesù Cristo, come italiani riconosciamo la gloria più fulgida della patria comune, questa volta, o Beatissimo Padre, ci trae ai Vostri piedi, insieme all' inestinguibile amore, la letizia che prorompe dall'animo profondamente grato.

Coll'Enciclica Il fermo proposito dell'ı giugno 1905 ai Vescovi d'Italia, Vostra Santità, sempre intesa nel Suo zelo Apostolico a ristorare ogni cosa in Cristo, ha pronunciato oggi la parola rinnovatrice della nostra azione sociale cattolica, volgendosi ad erigere il novello edificio, che nella varietà delle sue parti e nel coordinamento armonico del suo tutto, raccolga ed ordini quanti fra noi vogliono consacrarsi al servizio della cristiana civiltà per mezzo della Chiesa.

Il plauso reverente e unanime, che risuonò in tutta Italia credente (ripercotendosi in vario senso anche fra gli scredenti) all'apparire della Vostra Enciclica, come è promessa ai figli di una auspicata resurrezione, così è prova a Voi Beatissimo Padre, che la Vostra parola sta per compire il miracolo di quella unità nella fede e nella carità operosa, che segnacolo in ogni tempo dei

« PreviousContinue »