Dizionario precettivo, critico, ed istorico della poesia volgare

Front Cover
Giovanni Silvestri, 1824 - Italian poetry - 451 pages
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 424 - Nel mezzo del cammin di nostra vita, Mi ritrovai per una selva oscura Che la diritta via era smarrita.
Page 242 - O Musa, tu, che di caduchi allori Non circondi la fronte in Elicona, Ma su nel cielo infra i beati cori Hai di stelle immortali aurea corona, Tu spira al petto mio celesti ardori, Tu rischiara il mio canto, e tu perdona S'intesso fregi al ver, s'adorno in parte D'altri diletti, che de
Page 242 - O Musa, tu che di caduchi allori non circondi la fronte in Elicona, ma su nel cielo infra i beati cori hai di stelle immortali aurea corona, tu spira al petto mio celesti ardori, tu rischiara il mio canto, e tu perdona s'intesso fregi al ver, se adorno in parte d'altri diletti, che de
Page 157 - Che tua ragion cortesemente dica; PerchŔ fra gente altera ir ti conviene , E le voglie son piene GiÓ dell' usanza pessima ed antica Del ver sempre nemica.
Page 156 - ngegno e stile, La lingua e '1 cor, le lagrime ei sospiri. Scorgimi al miglior guado, E prendi in grado i cangiati desiri. Il dý s' appressa, e non potŔ esser lunge, Sý corre il tempo e vola, Vergine unica e sola; E '1 cor or conscienzia or morte punge. Raccomandami al tuo Figliuol, verace Orno e verace Dio, Ch' accolga 1 mio spirto ultimo in pace.
Page 82 - ... il viso tuoni e fulmini i detti, e lampi i guardi, bocca mista d'Inferno e Paradiso. Dir che i sospiri son bombe e petardi, pioggia d'oro i capei, fucina il petto, dove il magnano Amor tempera i dardi.
Page 406 - La luna, quasi a mezza notte tarda, Facea le stelle a noi parer pi¨ rade, Fatta com
Page 410 - Italia col crin sparso incolto colÓ dove la Dora in Po declina , che sedea mesta , e avea negli occhi accolto quasi un orror di servit¨ vicina. NÚ l' altera piangea: serbava un volto di dolente bensý, ma di reina : tal forse apparve allor che il piŔ disciolto a' ceppi offri la LibertÓ latina. Poi sorger lieta in un balen la vidi , e fiera ricomporsi al fasto usato , e quinci e quindi minacciar pi¨ lidi. E s...
Page 201 - Quali strani capogiri d'improvviso mi fan guerra?" Parmi proprio, che la terra sotto i piÚ mi si raggiri; ma se la terra comincia a tremare, e traballando minaccia disastri, lascio la terra, mi salvo nel mare.
Page 31 - Che di non esser primo par, ch'ira aggia. Ecco i duo Guidi , che giÓ furo in prezzo ; Onesto Bolognese; ei Siciliani, Che fur giÓ primi, e quivi eran da sezzo.

Bibliographic information